mercoledì 13 dicembre 2017

ALTPROGCORE 2017 BEST EPs


Siete pronti per la classifica di fine anno di altprogcore? Per riscaldarvi ecco come sempre la preliminare lista dei migliori EP che comunque non va ritenuta come un qualcosa di secondario. Specialmente questo anno abbiamo dei titoli forse più intriganti dei full length in quanto a novità e interesse. Per l'appunto credo che questa del 2017 sia la lista più corposa che compilata nella storia di altprogcore per ciò che riguarda gli EP, decidendo di includere alla fine venti titoli degni di nota. Le didascalie di accompagnamento saranno riservate agli album, sempre per motivi di tempo, ma almeno se siete curiosi avete l'opportunità di premere "play" e ascoltare voi stessi cosa vi piace e cosa no.




20.Medals
 Dust



19.Hail the Sun
Secret Wars



18.Blue Taboo
Morning Fog



17.The Physics House Band
Mercury Fountain




16.Cauls
Recherché



15.Hakanai
Hakanai


14.Shipley Hollow
Change



13.Terra Collective
Emerge



12.Palm
Shadow Expert



11.Courtney Swain
Growing Pains



10.Childish Japes
After You're Born



9.Mercury Sky
Infra



8.AfterWake
TIL 



7.Time King
The 1955: Frontierland



6.JYOCHO
Days in the Bluish House



5.gP.
Destroy, So as to Build




4.SEIMS
3



3.Sleep Token
Two 



2.Snooze
Actually, Extremely



1.The Dear Hunter
All Is As All Should Be

domenica 10 dicembre 2017

Aereogramme - "My Heart Has A Wish That You Would Not Go" 10th Anniversary Remaster


Dieci anni fa veniva pubblicato My Heart Has A Wish That You Would Not Go, terzo e ultimo album in studio degli Aereogramme, band scozzese di cui oggi si è quasi persa memoria, anche se il loro contributo al genere post hardcore e post rock è stato molto importante. My Heart Has A Wish That You Would Not Go, che rimane per me uno degli album preferiti del decennio, fu quasi un'anomalia nella discografia del gruppo, allora reduce da due lavori altrettanto influenti ed amati come A Story in White (2001) e Sleep and Release (2003). Adesso è il momento di celebrare quell'opera e l'ex chitarrista della band Iain Cook ha curato la nuova edizione rimasterizzata del disco che da oggi è disponibile su Bandcamp.

Probabilmente nel presente molti conoscono i componenti degli Aereogramme per altri motivi: Cook è divenuto un produttore e, nel 2013, ha conseguito un meritato successo di pubblico con il gruppo electro-pop CHVRCHES, formato insieme alla cantante Lauren Mayberry, dei Blue Sky Archives, e a Martin Doherty (co-produttore di My Heart Has A Wish That You Would Not Go). Il batterista Martin Scott è diventato il tour manager dei The Temper Trap e dei CHVRCHES, così come il bassista Campbell McNeil ha ripreso e continuato la sua vecchia attività di tour manager dei Biffy Clyro che aveva abbandonato con la nascita degli Aereogramme. Infine il cantante Craig B. è colui che, tra tutti e quattro, forse, è rimasto un precario della musica: oltre ad iscriversi all’università per studiare teologia, ha poi creato, insieme a Cook, i The Unwinding Hours, raccogliendo il nostalgico pubblico che aveva amato gli Aereogramme e riallacciandosi idealmente a quella strada, ed oggi continua come solista con il progetto A Mote of Dust.

E proprio Craig B. fu indirettamente responsabile del cambio di rotta intrapreso con My Heart Has A Wish That You Would Not Go. Il prolungato periodo di fermo che infatti precedette la sua pubblicazione fu dovuto ai problemi vocali del cantante che, praticamente, svanì per sei mesi. “L’estensione più acuta della mia voce semplicemente scomparve”, spiegò Craig in un’intervista, “e penso sia in parte dovuto alle urla che ero solito fare durante i concerti, specialmente nel tour per il secondo album. È stato un terribile mix di tabacco, whiskey e urla. […] Non c’era alcuna cura medica, ho anche visto dei dottori, ma solo il riposo l’avrebbe riportata indietro. Fu un momento veramente spaventoso”. Craig si trovò in quella situazione a causa dell’estensivo tour che seguì la promozione per Sleep and Release. Così, quando gli Aereogramme riuscirono a tornare in tour, al fine di preservare la voce di Craig B., fu aggiunto un membro esterno che si occupava delle parti urlate. Questo inaspettato incidente in parte influenzò la direzione musicale del nuovo album, dove veniva dato largo spazio alla vena orchestrale/sinfonica della band (tanto che loro stessi coniarono il termine “score-core”), sicuramente meno sperimentale rispetto agli esordi, ma ugualmente affascinante.

L’album fu registrato nei 4th Street Studios e, riguardo alla piega musicale che prese, McNeil spiegò: “Discutemmo a lungo a proposito dell’indirizzo che avrebbe dovuto prendere l’album e molto presto capimmo che apparentemente avevamo due scelte. La prima sarebbe stata quella di abbracciare volontariamente i nostri ottusi individualismi e provare a creare il più incasinato e generalmente discordante album immaginabile. La seconda era scegliere un aspetto del nostro sound precedente ed esplorare pienamente il suo potenziale. […] Convenimmo che l’opzione due sembrava il giusto percorso per noi, così decidemmo di aprirci alla nostra parte più orchestrale, cinematica e abbandonare il nostro metallico Mr. Hyde”. My Heart Has A Wish That You Would Not Go uscì il 5 febbraio 2007 e il lungo titolo era una citazione tratta dal libro “L’Esorcista” di William Peter Blatty, scelta che quasi funzionava da metafora per il contenuto del disco, molto più soft rispetto al passato, ma che conservava l’inquietudine tipica del gruppo. È come se gli Aereogramme con questo titolo avessero voluto dire: ci siamo lasciati andare a sonorità romantiche, ma la nostra anima rimane tenebrosa. Forse i fan della prima ora del quartetto scozzese rimasero spiazzati da tale scelta, ma, a ben vedere, le atmosfere languide e orchestrali dell’album erano un naturale sviluppo di quanto già fatto in passato. Se, infatti, nei lavori precedenti il gruppo aveva lasciato convivere furiose aggressioni e arie dal respiro sentimentale, ora erano queste ultime a prevalere.



Le rasoiate di chitarra elettrica di Conscious Life for Coma Boy traevano quasi in inganno nell’introduzione, il brano diventava subito un lento dai connotati country rock con tanto di intermezzo da camera. Il clima romantico rimaneva tale su Exits, in seguito punteggiata da un piano minimale che sottolineava l’andamento dondolante del pezzo. Il valzer di Barriers e la sinfonica Finding a Light rimanevano i brani simbolo di questa nuova prospettiva solenne e coinvolgente. Dove prima c’erano le chitarre a dare l’impeto dei crescendo ora ecco arrivare fiati e violini che, però, non superavano mai il livello di guardia. Dall’altro lato potevano costituire un legame con il passato le residue tracce elettriche che facevano la loro comparsa nel finale di Living Backwards o il clima morboso di Nightmares, che si collegava alle spire elettroniche nelle quali si consumava il dramma della notevole The Running Man. Gli Aereogramme scelsero coraggiosamente di allontanarsi dall’asprezza dei loro suoni, inerpicandosi in una materia delicata come il melodismo sinfonico, restando però ancorati al loro substrato melanconico.

Per la promozione dell’album gli Aereogramme riuscirono ad organizzare un nuovo tour negli Stati Uniti, un’esperienza che questa volta non si rivelò affatto positiva per la band. Le cose cominciarono a prendere una brutta piega fin dall’inizio, quando si presentarono i problemi per ottenere il visto. I cavilli burocratici ritardarono la partenza del gruppo con il risultato di dover cancellare la prima settimana del tour e ripianificare le date interessate, rimandandole. Anche una volta giunti negli Stati Uniti niente andò per il verso giusto: il tour si rivelò un vero inferno, sia dal punto di vista organizzativo, sia dal punto di vista logistico, fiaccando definitivamente il morale della band. Fu in quel momento che, durante alcune discussioni nelle varie stanze d’albergo, gli Aereogramme decisero di farla finita e sciogliersi.

sabato 9 dicembre 2017

Glassjaw - Material Control (2017)


Riferendosi a Material Control il chitarrista Justin Beck e il frontman Daryl Palumbo parlano di un album dalla natura urgente, ignorante e acuta, registrato molto velocemente per mantenere intatte queste caratteristiche spontanee. Il terzo album in studio del duo di Long Island arriva a quindici anni di distanza dal seminale Worship and Tribute, un silenzio che era stato interrotto solo da qualche EP, l'ultimo dei quali, Coloring Book, sembrava segnare una nuova strada con influssi dub, vibrazioni caraibiche e il cantato più composto di Palumbo (che durante la pausa dei Glassjaw ha avviato nuovi progetti musicali come Head Automatica e Color Film, mentre Beck ha messo su famiglia e si è dedicato al business con il sito Merch Direct). Dopo tutto questo tempo quindi i Glassjaw avevano interrotto la stesura di nuovo materiale ed è forse anche per questo che Material Control non trabocca di inediti come ci si sarebbe potuto aspettare, visto che la sua durata non oltrepassa i trentasei minuti.

Material Control corrisponde proprio a quanto dichiarato dai propri autori: è un album grezzo, di una pesantezza ruvida portata all'eccesso, quasi nichilista, con brani a volte molto brevi e affilati come rasoi. Quello che stupisce, oltre alla selvaggia performance, è la chitarra di Beck che va ad implementare la già imponente barriera invalicabile di feedback e wah wah prolungati, creando una cacofonia di suoni indefiniti, un confusionario grumo elettrico privo di qualsiasi musicalità molto simile al rumore bianco della TV. Privandosi di riff o accordi rimane Palumbo l'unico motore melodico dei Glassjaw che comunque adatta la sua voce al contesto e si lascia trasportare dal flusso viscerale. Se il singolo di lancio Shiba è una nuova Cosmopolitan Bloodless dove ti aspetti che il suo ritornello parta da un momento all'altro, dimenticatevi invece cose come la seconda parte di Worship and Tribute, più sperimentale, quasi tutta dedicata ad un mistico post hardcore psichedelico, su Material Control anche i chorus che di solito si contrappongono alla furia portando distensione con un po' di melodia, vengono inglobati nel caos generale. Il risultato è la cosa più dura e monolitica prodotta dai Glassjaw.

mercoledì 6 dicembre 2017

Dialects - Because Your Path Is Unlike Any Other (2017)


Con un solo EP alle spalle e con l'album d'esordio qui presente ancora da pubblicare, dal 2013 gli scozzesi (di Glasgow) Dialects hanno già alle spalle prestigiose partecipazioni a festival prestigiosi come ArcTanGent e nella serie di sessioni live in studio di Audiotree. Da queste poche tracce lasciate si era capito che il quartetto di math rock/post rock era da tenere d'occhio, andandosi ad inserire stilisticamente in un ideale incontro tra Three Trapped Tigers, Alpha Male Tea Party e Strawberry Girls. La band nacque su impulso del chitarrista Conor Anderson, grazie all'amicizia con gli Atlas: Empire, un altro gruppo di Glasgow, coinvolse il batterista Liam McAteer a provare del materiale insieme. McAteer entrò in pianta stabile nei Dialects, lasciando gli Atlas: Empire, ma quella musica doveva essere piaciuta anche al loro chitarrtista Steven Gillies che da allora si divide tra le due band. A completare il quadro il bassista Ali Walker, compagno d'appartamento di Gillies. Il bagaglio d'esperienza accumulato in questi quattro anni di attività si palesa in tutta la sua potenza su Because Your Path Is Unlike Any Other che bilancia i toni aggressivi e le ritmiche inconsulte del math rock con i paesaggi sonori psichedelici descritti dal post rock.


domenica 3 dicembre 2017

Icarus the Owl - Rearm Circuits (2017)


Partiti come un progetto solista del cantante/chitarrista Joey Rubenstein insieme ad altri musicisti, gli Icarus the Owl dal 2009 ad oggi si sono mossi nel sottobosco indipendente dell'experimental post hardcore con una formazione in costante movimento e pubblicando tre album divenuti negli anni dei bestseller su Bandcamp. Nel 2015 la svolta con Pilot Waves che ha avuto un più rilevante impatto commerciale grazie all'intervento dell'etichetta Blue Swan Records (di Will Swan dei Dance Gavin Dance), fino ad arrivare al presente quinto album Rearm Circuits che raggiunge di fatto la coronazione del quartetto di Portland come band di punta all'interno del cosiddetto "swancore". Non sono mai pienamente entrato in sintonia con la musica degli Icarus the Owl almeno fino a Pilot Waves e adesso Rearm Circuits certifica una paziente ma costante crescita dal punto di vista della scrittura. Il bello di Rubenstein è stato (ed è) un autore nel quale si possono trovare varie influenze che vanno dal post hardcore al math rock, dal metal al pop punk e solo ultimamente sembra aver messo a punto la propria formula vincente.

Capirete che ce n'è abbastanza per accattivarsi e incuriosire i fan di Hail the Sun, Eidola, Artifex Pereo e Sianvar ed infatti gli Icarus si sono sempre mossi fianco a fianco di questa scena. Ma, se ognuna delle band citate nella propria estetica tende a marcare tra i vari stilemi un aspetto in particolare, gli Icarus the Owl su Rearm Circuits sembrano muoversi con molta naturalezza ed equilibrio tanto nell'aspetto progressivo, virtuoso e aggressivo, quanto nel lato melodico, armonico e accessibile. L'euforia di Dream Shade e Do Not Resuscitate trapela anche dalla melodrammaticità di certi passaggi che arrivano a sfiorare le cupe tonalità djent. Ci avviciniamo sempre di più a quelle latitudini (si potrebbero menzionare i Protest the Hero) nelle frenetiche trame math metal di Failed Transmission e The Vanishing Point. Ghosts of Former Lives invece porta quasi una ventata d'aria fresca emo pop rock sulle coordinate degli ultimi Paramore, per dire quanto gli Icarus the Owl possano trasmettere vibrazioni dalle differenti prospettive.

La prima parte dell'album viene chiusa dai due pezzi di punta Coma Dreams e DoubleSleep, i quali seppur diversi tra loro, svelano ognuno a suo modo come la scrittura di Rubenstein può eccellere in direzioni contrapposte come una power ballad (la prima) e un mini tour de force progressivo con incipit pop punk (la seconda), mantenendo alto il livello con brillanti melodie e tessiture chitarristiche. Rubenstein è inoltre cresciuto molto come vocalist, dando in questa sede la sua prova migliore non solo come modulazione e intonazione, ma pure come ideatore di ottime linee melodiche, prova ne sono The Renaissance of Killing Art e Dimensions. Infine, da sottolineare con plauso sono le piccole intermissioni strumentali, le variazioni, o bridge che dir si voglia, costantemente inventive sul versante progressivo e math rock, brevi ma estremamente curate, come tutto l'album del resto. Peccato per chi si è precipitato già a compilare la lista di fine anno dei migliori album perché dicembre ha portato la sorpresa Icarus the Owl.

venerdì 1 dicembre 2017

The Dear Hunter - All Is As All Should Be (2017)


La prolificità di Casey Crescenzo è veramente impressionante, soprattutto se si tiene conto della qualità delle sue uscite. L'improvviso annuncio, di punto in bianco, di una nuova produzione a firma The Dear Hunter è motivo di un'ulteriore sorpresa. Questa volta si tratta di un EP che spezza di nuovo la narrazione dell'epopea degli Act, come fece Migrant, spiazzando coloro (praticamente tutti credo) che si aspettavano una continuità con l'imminente conclusione del sesto capitolo del quale però è stato già annunciato che si tratterà di qualcosa di speciale, molto probabilmente di natura extra musicale. Nel comunicato che ha accompagnato All Is As All Should Be si scopre però qualcosa di altrettanto particolare e cioè che nella sua realizzazione sono stati coinvolti anche fan e amici della band, come una sorta di sessione di scrittura aperta ad una famiglia estesa. Per chi volesse saperne di più, la storia dietro le quinte della produzione è narrata qui, ma sinteticamente diciamo che i The Dear Hunter sono stati accolti durante il tour di Act V da sei persone differenti con le quali hanno realizzato altrettanti brani.

Lo stile della band rimane naturalmente intatto e invariato e la recensione di All Is As All Should Be potrebbe essere simile ad altre scritte in passato. Anche se qui non si parla della saga messa in piedi con gli Act (virtualmente conclusa), ma di una collezione di sei tracce dalla durata di meno di venticinque minuti, il risultato eccellente è più o meno il medesimo. Come una versione condensata di Migrant e The Color Spectrum, All Is As All Should Be fa in tempo ad esporre tutta la poetica e l'estetica musicale di Casey Crescenzo, ricordandoci quale sopraffino arrangiatore egli sia. In più, si diceva nonostante i collaboratori, si riconoscono i vari caratteri della sua scrittura che vanno dal folk al prog, dal musical al psichedelia pop degli anni ’60. Beyond the Pale e Shake Me (Awake), non a caso collegate tra loro, risplendono di una piena lucentezza acustica, orchestrale e polifonica, così come i primi due singoli Blame Paradise e The Right Wrong mostrano una carica che riporta agli episodi più marcatamente rock di Act IV e Act V. Witness Me è ancora più esplicita nel riassumere tali aspetti, accennando una natura da ballata acustica e poi aggiungendo una strumentazione più ampia che spazia dall'elettronica con accenni alla retrowave e ciò che sembra un omaggio al prog inglese nella coda finale. La perfetta conclusione della title-track, un requiem blues moderno, è il suggello ad un altro capitolo importante di questa band. Per evitare paragoni ingombranti che per qualcuno potrebbero risultare a sproposito, ribadiamolo chiaramente: Casey Crescanzo è l'autore più rilevante del prog contemporaneo e non chiamatelo "genio", ma "maestro".


 
http://thedearhunter.com/

venerdì 24 novembre 2017

AfterWake - TIL (2017)


Scoperti un anno fa con l'EP Alive, i canadesi AfterWake ne hanno da poco realizzato un secondo con altre tre tracce inedite che accrescono il potenziale che faceva intravedere il suo predecessore. Il quartetto porta sul piatto un djent professionalmente tirato a lucido con ottime melodie, aperture chitarristiche armoniche molto spaziali e qualche ammiccamento alla frangia più aggressiva del genere. In Misdirection, ad esempio, si inseriscono dei growl anche non necessari, ma il brano con il suo incedere marziale penso piacerà ai fan dei Karnivool. This is Living ha come ospite il chitarrista Nick Johnston con un intervento breve ma incisivo e, insieme a The Way You Were, forma una coppia di pezzi che riprende l'ultima sterzata psych new age degli Skyharbor con grande stile. Riassumendo, non stiamo qui a riportare chissà quali rivoluzioni, ma TIL è un signor EP che si ascolta con gran piacere e, chissà, se fosse stato un album completo adesso saremmo qui a tesserne le lodi come uno dei più interessanti dell'anno.


martedì 14 novembre 2017

Courtney Swain - Growing Pains (2017)


Dopo che i Bent Knee si sono costruiti un'autorevole carriera in brevissimo tempo gli amanti del prog, ma credo anche della musica in generale, si sono avvicinati a loro in modo naturale. Merito di una musica particolare che sa essere avventurosa e accessibile senza dimenticarsi il coinvolgimento emotivo. Una parte del merito va senz'altro alla distintiva e potente voce della cantante Courtney Swain che forse non molti sanno da qualche anno si è cimentata in alcune prove soliste parallelamente al gruppo, delle quali l'EP Growing Pains, da poco pubblicato, è l'ultimo capitolo. Abituati al ricco e versatile pianeta sonoro che sanno edificare i Bent Knee, l'opera solista della Swain ci trasporta in un altro mondo altrettanto affascinante. Dotata solo di piano, qualche intervento di archi e della sua voce espressiva, Courtney riporta la musica ad uno stato primario e intimo come uno sguardo alla sua parte di autrice sensibile a nuovi stimoli e sfide.

Non stupisce quindi che anche i testi rispecchino un'estetica musicale così malinconica e personale. Le ballate per piano presentate su Growing Pains crescono emotivamente d'intensità insieme al loro dipanarsi, iniziando con scarni grappoli di note pizzicate e finendo per allargarsi dinamicamente ad armonie più corpose. Se Glitter Bomb pone la Swain accanto alle migliori cose della tradizione cantautorale americana, con il piccolo pezzo da musical Snow Globe fino alla sentita interpretazione di Prickly Thorn, la musica sembra seguire il flusso di coscienza passionale della Swain mentre declama le sue storie di vita attraverso metafore e immagini forti. Anche in questo caso, come accade nei Bent Knee, Courtney Swain non è solo una cantautrice, ma mostra una volontà di caratterizzare la propria scrittura e le proprie ballate con elementi inusuali e originali come si addice ad ogni musicista che sa distinguersi.



www.courtneyswain.com

domenica 12 novembre 2017

Hail the Sun - Secret Wars (2017)


A sorpresa il gruppo del cantante e batterista Donovan Melero (impegnato anche nei Sianvar) nel giro di qualche giorno ha annunciato e pubblicato un EP nuovo di zecca con cinque tracce inedite. Rispetto all'album Culture Scars risalente all'anno scorso, molto incline ad aperture melodiche e progressive, Secret Wars segna una ricerca di soluzioni più vicine all'experimental post hardcore, tornando un po' alle origini della band e pagando pegno alle influenze derivate dal mathcore dei The Fall of Troy prima maniera e ovviamente alla costante vicinanza stilistica con i Circa Survive, più che altro per la vocalità di Melero simile al registro acuto di Anthony Green.  

Il momento centrale dell'EP con Spite è quello dove la macchina da guerra degli Hail the Sun tende a mostrare tutta la propria potenza di fuoco, anche se i pezzi equilibrati con maggiore perizia dalla parte prog e da quella hardcore sono Repellent e la title-track che aprono e chiudono rispettivamente l'EP. In questi brani in particolare gli Hail the Sun rivelano una consistente crescita sia dal lato tecnico, riflesso nell'andamento virtuosisticamente sincopato e convulso, sia dal lato viscerale, presentando risvolti più massicci e aggressivi del solito. Le trame, oltre all'imprevedibilità, aggiungono quindi salti di umore e di atmosfera (leggi melodia vs. caos)  tra i più arditi che gli Hail the Sun abbiano provato finora.




venerdì 10 novembre 2017

Quicksand - Interiors (2017)


Dopo una pausa durata ben 22 anni, i pionieri del post hardcore Quicksand tornano con un album in studio molto atteso, annunciato ormai da qualche mese, dal titolo Interiors. Solo due album negli anni '90, Slip (1993) e Manic Compression (1995), bastarono a consolidarli come autorevoli esponenti del genere. Nel 2012 finalmente i Quicksand si sono riuniti per suonare saltuariamente qualche data live, ma l'arrivo di un nuovo album è stata praticamente una sorpresa (a parte qualche indizio in passato mai confermato dalla band). Interiors non delude ed è tutto ciò che si poteva aspettarsi dai Quicksand: un album solido che ben si adatta al presente rispolverando l'estetica sonora della band. Potete rendervene conto voi stessi ascoltandolo per intero qui di seguito:


www.quicksandnyc.com

lunedì 6 novembre 2017

Altprogcore November discoveries


Uno dei migliori album di math rock ascoltato ultimamente è quello dei francesi Jean Jean e che risale al 2013. Symmetry rimane a tutt'oggi l'ultima prova in studio della band e quindi vale la pena soffermarvisi. Quello dei Jean Jean sembra inoltre un tentativo di avvicinare il math rock ad un sottospecie di electro-post-rock con abbondante uso di synth. C'è anche un pezzo cantato, Laser John, molto gradevole.



Non fatevi ingannare dalla copertina e tanto meno dal nome della band, entrambi oggettivamente poco inclini ad accattivarsi l'interesse di un proghead. A dispetto di questo primo impatto Party With Imaginary Friends è un signor disco, che comunque riflette musicalmente per certi aspetti l'appariscente cover in un'eccentricità di accostamenti stilistici piuttosto coraggiosa e spegiudicata. Il polistrumentista Andy Irwin, con l'aiuto di Sean Hilton alla batteria (non manca però l'utilizzo di batteria elettronica), tenta di creare un prog futurista, innescando un corto circuito tra trance/dance, metal, space rock e psichedelia. Il risultato potrebbe somigliare ad una evoluzione dei Porcupine Tree del periodo Up The Downstairs/Voyage 34 con scelte sonore più radicali ovviamente alla maniera iconoclasta di Devin Townsend.



Il primo Lp dei Blis. si staglia all'orizzonte come un futuro nuovo classico nel calderone emo/post hardcore, applicando le giuste proporzioni tra potenza e malinconia saggiamente dosati su canzoni fieramente emo. Forse è anche per la voce androgina del chitarrista Aaron Gosset che aleggia un sottile paragone con i Sunny Day Real Estate e infatti No One Loves You aggiorna i canoni di Diary e LP2 per una nuova generazione di emo fan. Molto probabilmente il miglior album che potrete ascoltare quest'anno all'interno di questo genere.



Il duo formato da Emily Krueger (voce e chitarra) e Beau Diakowicz (chitarra) suona un soul r'n'b che assomiglia allo smooth math rock degli Eternity Forever di Kurt Travis. Canzoni suadenti e rilassanti che non disdegnano qualche influsso di jazz ed elettronica alla maniera degli Hiatus Kaiyote ed in particolare all'estetica scarna della loro frontwoman Nai Palm (che, a proposito, ha pubblicato da poco un album come solista). Per ora gli Zoology hanno realizzato solamente una manciata di singoli e sembra che non ci siano album all'orizzonte, almeno nell'immediato.



Mowlith è una band norvegese e Until Our Feet No Longer Touch The Ground ne è l'esordio, pubblicato per l'appunto un anno fa. Nel loro pop infuso di elettronica e qualche sprazzo di jazz, i Mowlith riportano il tempo agli anni '80 anche per quanto riguarda gli eventuali ammiccamenti al prog che emergono in qualche impasto tra tastiere e chitarra. Alcune volte la mancanza di un vero batterista si fa sentire, ma le melodie così ben orchestrate mascherano questa lacuna.

domenica 5 novembre 2017

Charlie Cawood - The Divine Abstract (2017)


Ci sono musiche che trascendono la world music e abbracciano la classica contemporanea in modo originale fino ad arrivare a cancellare i contorni di ciò che è considerato popular e ciò che è considerato colto. In passato, artisti come Third Ear Band, Gryphon e Jade Warrior provenienti dalla sfera rock, si sono cimentati in questa ricerca di accostamento, sconfinando naturalmente in territori di confine poco battuti. The Divine Abstract è una di queste opere, parla un linguaggio universale attraverso un ampio sfoggio di timbri strumentali esotici, che fanno riferimento soprattutto alla cultura mediorientale, e taglia trasversalmente il progressive rock dal punto di vista classico alla maniera dei primi After Crying. Sì, perché, proprio come il gruppo ungherese, il compositore Charlie Cawood si immerge in un ambito colto, mantenendo comunque forti legami con strutture e progressioni che fanno parte di un retaggio da rock progressivo. Potremo avvicinare The Devine Abstract alle inestricabili tessiture Third Stream lasciate in eredità dal Rock In Opposition o alle crepuscolari visioni bucoliche di Anthony Phillips, ma il mondo di Cawood è un caleidoscopio di timbri esoterici.

Il fatto resta che The Divine Abstract è un album di una bellezza abbagliante e fuori dal tempo. Dopo una lunga gestazione, riflessa nel dettaglio e nella qualità degli arrangiamenti orchestrali polifonici, nei preziosi contrappunti e in una produzione ricca di finezze, il polistrumentista e bassista dei Knifeworld se ne esce con un esordio sofisticato e ambizioso. Suggestioni classiche, spezie etniche e fusion si uniscono in uno sfondo avant-garde in cui si dispiegano gli strumenti più disparati di estrazione quasi esclusivamente acustica. Il ricco numero di ospiti che si è affiancato a Cawood per dare corpo alla sua visione forma un ensemble musicale ampio ed insolito come un crossover tra classico ed etnico e proviene da altrettante band prestigiose tra cui Haken, Chrome Hoof, Mediaeval Baebes, Stars in Battledress, North Sea Radio Orchestra e, se siete fan soprattutto di queste ultime due, The Divine Abstract non solo sarà un ascolto obbligato, ma sicuramente appagherà i vostri sensi.



www.facebook.com/charliecawoodmusic/

giovedì 2 novembre 2017

The Surrealist e la nuova frontiera del djent


Forse era solo questione di tempo, ma dopo anni di stallo nella ricerca di nuove approcci alle tecniche sonore per la chitarra, sta ora emergendo una prospettiva molto minimale ma abbastanza complessa e delicata nel bilanciamento dei suoni. Come sperimentato sul fronte acustico da Alan Gogoll ad esempio, il chitarrista Roopam Garg ha applicato questi principi alla chitarra elettrica e, con solamente l'ausilio batterista John-Marc Degaard, ha creato un sound a metà strada tra l'ambient new age e il metal strumentale ipertrofico e virtuoso degli Animals As Leaders. Il risultato è una musica trascendentale e parzialmente imparentata con le frange meno estreme del djent, arrivando ad essere considerata "the next big thing in guitar land", come sottolineato da Guitar World. I The Surrealist, questo il nome del gruppo, avevano esordito giusto un anno fa con l'EP Naked Awareness dove venivano posti in evidenza arpeggi e pennate swept fino a dare un senso tra il meccanico e l'umano. In seguito a Garg e Degaard si è aggiunto il bassista Beauman Edwards e, con in questa nuova veste, si sono presi il tempo per migliorarsi e mettere a fuoco le dinamiche armoniche da far risaltare, passando il 2017 a pubblicare singole tracce inedite tra cui Lux, Origami e l'ultima in ordine di tempo Echo End.







https://thesurrealist.org/
https://thesurrealist.bandcamp.com

mercoledì 1 novembre 2017

Tiny Giant - Thirsty and Sad (2017)


Continua la costante produzione di singoli dei Tiny Giant, band della ex Pure Reason Revolution Chloe Alper in duo con il polistrumentista e produttore Mat Collins, in attesa dell'album di esordio. I Tiny Giant si presentano questa volta con i brani Thirsty e Sad che proseguono sull'estetica di un pop rock dai connotati futuristici/elettronici con molti slanci radicali rispetto alle dinamiche di quiet/loud (la prima) e dove i synth si insinuano alla maniera della retrowave molto in voga in questo momento (la seconda). Di seguito un riassunto dei singoli realizzati finora:

sabato 28 ottobre 2017

SEIMS - 3 (2017)


SEIMS è un progetto del polistrumentista australiano Simeon Bartholomew che nel suo nuovo EP, semplicemente intitolato 3, ci fornisce un assaggio di ciò di cui è capace, riadattando la sua sincopata, sintetica elettronica strumentale in stile Three Trapped Tigers, alla furia sperimentale dell'hardcore e al futurismo dell'avant-garde. I quattro brani che compongono l'EP prendono il nome dai colori dell'indistinta figura astratta riportata in copertina (o, se preferite, più semplicemente equivalgono a quelli delle cartucce di una comune stampante). Cyan è un teso tour de force noise math rock che passa, attraverso un imponente e costante muro sonoro, nel miscelare elettronica e elettricità, orchestral(ità) a minimal(ità). Magenta ha un avvio eterea-mente prog, sviluppandosi poi con tappeti di synth da retrowave e ritmiche potenti come un macigno. Yellow è un altro trip da dodici minuti e mezzo che parte in modo simile, costruendo pattern tastieristici e prosegue imbastendo cacofonie noise e intricate involuzioni ritmiche.

Anche se fino a qui 3 ha inanellato una serie di delizie strumentali, la nota di merito va imputata al pregevolissimo e raffinato brano di chiusura Imperfect Black che vede come ospite alla voce la partecipazione della cantautrice Louise Nutting, sorta di recente nella scena musicale australiana con lo pseudonimo di Wartime Sweethearts (esordendo lo scorso anno con l'ottimo art pop dell'album So Long Sparta) che con le sue evoluzioni stratificate impreziosisce il tessuto sonoro del pezzo. Tutto l'EP è imperniato sulla presenza percussiva delle massicce e frenetiche ritmiche del fuoriclasse Chris Allison degli Instrumental adj. e sull'uso spregiudicato dell'elettronica da parte di Bartholomew che in questo modo si va ad aggiungere ad una ricca realtà musicale all'altro capo del mondo. 




www.seims.net

domenica 22 ottobre 2017

The Knells - Knells II (2017)


Nel 2013 il primo album dei The Knells fu una folgorazione: il gruppo si presentò come un atipico ensemble tra il Rock In Opposition e il neoclassico che affiancava alla caratteristica formazione rock con chitarra, batteria e basso, tre cantanti con impostazione operistica e una sezione di archi. Il risultato fu un sound unico che fondeva avant-garde, psichedelia, minimalismo e progressive rock. La formula perfettamente messa a fuoco su The Knells non era priva di rischi nel ripetersi e il chitarrista e compositore Andrew McKenna Lee, autore principale e leader del gruppo, deve essersi posto di fronte a questo scoglio da superare affrontando la stesura del secondo capitolo della sua band.

Knells II, in uscita il 10 novembre per l'etichetta personale di McKenna Lee Still Sound Music, si pone quindi verso un'impostazione differente rispetto al suo predecessore, sia formalmente che stilisticamente. L'album è presentato di nuovo come un concept che questa volta prende le mosse da sentimenti fortemente influenzati dal lutto per la morte del padre di McKenna Lee e da qui riparte con tematiche che esprimono e augurano positività verso il futuro, usando la catarsi creativa come mezzo per lenire il dolore e riportare alla pace con se stessi. Quindi, come era accaduto per il suo predecessore, anche in questo caso non ci troviamo di fronte ad un vero e proprio racconto che tiene le fila, ma ad una disamina delle nostre sensazioni più profonde.

Forse, maggiormente che nel primo album, la chitarra di McKenna Lee è più che mai presente e protagonista in ogni suo mutamento di sound: quando, tra echi e riverberi, si produce in arpeggi extraterreni, siderali note prolungate e loop elettrici che pennellano spirali e paesaggi astratti, aiutata anche dalla seconda chitarra di Paul Orbell. La preponderanza delle sei corde è pressoché naturale vista la scelta di non ricorrere ad una sezione di archi e limitare, o porre in secondo piano, gli interventi di tastiere. Il cantato di Nina Berman (soprano), Charlotte Mundy (mezzo-soprano) e Blythe Gaissert (contralto) è a tratti unifomre e a tratti celestiale, distaccandosi notevolmente da quell'impressione alla Hatfield and the North del primo album per assumere un'identità propria, come se ad interpretare fosse un'unica cantante dalla voce stratificata per quanto la resa emerge compatta. L'impasto strumentale e vocale rimane quindi di grande impatto e alquanto incomparabile nel panorama progressivo, con l'ulteriore pregio di non sfociare mai nelle stucchevoli aree sinfoniche, in modo che i The Knells riescono a ritagliarsi nel genere una collocazione al di fuori di ogni confine predefinito.

Anche se i brani sono divisi in tracce, la struttura di Knells II può essere letta come composta da piccole suite: ad esempio First Song confluisce nelle spirali di Interlude I e Could You Would You, mentre un altro gruppo è formato dalle peregrinazioni psichedeliche di chitarra tra Coda, Bargaining e Final Breath. Separate nel loro nucleo, comunque, queste tracce mostrano una direzione ben più diretta e asciutta, nella stessa prospettiva imboccata da Sub Rosa, dato che i suoi elementi più accessibili traghettano l'album verso orizzonti art rock, piuttosto che strettamente progressivi. Con tale consapevolezza non stupisce neanche l'insolita virata nel blues elettronico/futurista di Poltergeist. Con Knells II McKenna Lee riesce quindi nel duplice intento di rinnovare la sua proposta musicale e allo stesso tempo renderla accessibile. Non c'è dubbio che a questo punto il terzo capitolo costituirà una nuova sfida.



http://theknells.com/ 

 

domenica 15 ottobre 2017

Thumpermonkey - Electricity (2017)


In anticipo sull'album Make Me Young, Etc che uscirà nel 2018, i Thumpermonkey decidono di placare l'attesa (mancavano dalla scena discografica da cinque anni) con questo EP dal titolo Electricity, oltretutto un mini concept ispirato ad un antico libro illustrato di Albert Bleunard risalente al 1889 e dal titolo Babylon Electrified. La musica dei Thumpermonkey continua a percorrere strade di confine: è potente e affilata come il post hardcore, ma non lo è; è cerebrale e complessa come il prog, ma non è prog. Il gruppo guidato da Michael Woodman è interessato più che mai a costruire atmosfere, quadri sonori e tensioni prolungate come fanno nei primi due brani Garmonbozia e Tzizimine.

Arrivando alla terza traccia This is Not a Fire si può affermare che i Thumpermonkey hanno messo da parte le qualità più eccentriche di Sleep Furiously in favore di in un prog rock dark ed elettrico, creando un EP dalle caratteristiche compatte e omogenee spezzate solo nel finale dal piano sinistro di Woadscrivened. E' in quest'ultimo pezzo ce si trova l'essenza della musica della band, il piano suonato dal polistrumentista Rael Jones (compositore di musiche per note serie tv e candidato agli Emmy) crea un intreccio minimale che si scontra con improvvise esplosioni elettriche: i saliscendi quiet/loud sono altra caratteristica che mantiene vivo l'incedere strumentale in un flusso sonoro che non ha bisogno di essere imbrigliato nei soliti schemi strofa/ritornello. Electricity per ora non dà indizi su come (e se) si è evoluto il carattere stilistico della band, ma è un temporaneo palliativo in attesa della prossima più corposa uscita.






http://thumpermonkey.com/

sabato 14 ottobre 2017

The Ed Palermo Big Band - The Adventures Of Zodd Zundgren (2017)


Se nella copertina Ed Palermo ha deciso di rappresentarsi come il fittizio supereroe che dà il titolo al suo nuovo album, all’interno del booklet ci spiega che il buffo nomignolo, per chi non lo intuisse, fa riferimento ai suoi personali e reali eroi musicali che il musicista vuole celebrare: Frank Zappa e Todd Rundgren. Non è la prima volta che Palermo omaggia Zappa (sia su album che dal vivo), ma questa volta la scelta di affiancargli la penna pop rock di Rundgren non è un caso, ma sottolinea un legame musicale tra i due compositori e cantautori che più di una volta ha fatto accostare le loro strade stilistiche. Entrambi cultori di una musica totale che possa superare le proprie possibilità in ambizione e versatilità, partendo dalla musica popolare per accostarsi spregiudicatamente a quella colta. Ascoltando gli arrangiamenti per orchestra di Palermo è molto semplice intuire l’affinità che si insinua tra le composizioni di Rundgren e Zappa, un terreno praticamente fertile per essere reintepretato in versione big band jazz, swing e be-bop. Una relazione resa ancora più evidente nella scelta di presentare il disco con i brani che confluiscono l’uno nell’altro, senza soluzione di continuità, come fosse un grande tour de force. 

Nell’infinito catalogo zappiano, Palermo sceglie più o meno pezzi che rappresentano capisaldi della sua produzione tipo Montana, Peaches En Regalia e Zoot Allures. Ma quando si tratta di pescare nell’altrettanto corposa discografia di Rundgren arriva qualche sorpresa che pone accanto alla famosa Hello It’s Me materiale poco noto estrapolato da album meno celebrati come The Ever Popular Tortured Artist Effect (Emperor of the Highway, Influenza) o il suo secondo lavoro da solista Runt. The Ballad of Todd Rundgren (l’intensa Wailing Wall) e quello dei Nazz (Kiddie Boy), prima band del musicista di Philadelphia. Il motivo è spiegato dallo stesso Palermo che ha voluto marcare il contrasto tra il ruvido sperimentalismo di Zappa con il romanticismo da cuore infranto di Rundgren. Il tutto viene comunque reso con una vena briosa e disinvolta, sottolineata da intensi contrappunti di fiati che si ritagliano anche inediti spazi solisti. Per i fan dei due artisti un album da non perdere.

giovedì 12 ottobre 2017

VIS - No Consequence EP (2017)


Il gruppo post hardcore di Los Angeles VIS aveva esordito nel 2014 con l'EP No Waves, molto valido, che avevo segnalato nelle mie varie scoperte mensili di quell'anno. Dopo aver pubblicato due singoli qualche tempo fa, i VIS sono ora arrivati alla pubblicazione del secondo EP No Consequence, aggiungendo altri due inediti per un totale di quattro tracce. Anche se nel tempo trascorso la band è riuscita a realizzare solo un nuovo EP, è stato comunque annunciato dal quartetto di stare ultimando i lavori per il loro album d'esordio previsto per l'anno prossimo.

domenica 8 ottobre 2017

Dave Kerzner e il tributo a "The Lamb Lies Down on Broadway"


La prima edizione del ProgStock Festival, che si terrà dal 13 al 15 ottobre a Rahway, NJ, e doveva ospitare, tra le altre cose, gli Echolyn come headliner e un tributo a Kevin Gilbert con Randy McStine alla voce (Lo-Fi Resistance), Dave Kerzner alle tastiere e Nick D'Virgilio alla batteria, da un lato non è stata molto fortunata: prima ha dovuto incassare la rinuncia degli Echolyn a causa di una tendinite di Chris Buzby; in seguito, alcuni impegni sopraggiunti di McStine, hanno impedito a quest'ultimo di confermare la sua presenza al festival con la conseguente cancellazione del tributo a Gilbert.

A questo punto Kerzner è diventato il protagonista che dovrà colmare i buchi lasciati da queste defezioni, cercando, dall'altro lato, un modo di rimediare per mantenere almeno un legame con il programma iniziale. Oltre quindi a presentare per intero dal vivo il suo nuovo album come solista Static, Kerzner suonerà anche delle selezioni da THUD, l'album solista di Gilbert del 1995, in più con l'aiuto di Francis Dunnery dedicherà una parte dello show ad alcuni brani tratti da The Lamb Lies Down on Broadway del Genesis, omaggiando in questo modo trasversalmente anche Gilbert che suonò con lui il capolavoro dei Genesis nella famosa edizione del ProgFest del 1994.



Una cosa che non sapevo è che da qualche anno Kerzner, con il suo vecchio progetto Sonic Elements, stava lavorando anche ad un album tributo a The Lamb Lies Down on Broadway che sarebbe stato previsto per una pubblicazione nel 2015 e con ospiti lo stesso Dunnery, Nick D'Virgilio, Billy Sherwood (Yes), Steve Rothery (Marillion), Dan Hancock (Giraffe), Martin Levac (The Musical Box), Nad Sylvan (Steve Hackett). La rivisitazione pare prendere le mosse dal tributo realizzato da Nick D'Virgilio con il suo Rewiring Genesis nel 2009, il quale integrava un'orchestra sinfonica per dare un respiro quasi cinematografico alle tracce. Finora comunque possiamo farci un'idea da questi clip caricati da Kerzner su Soundcloud:










giovedì 5 ottobre 2017

Jeremy Enigk - Ghosts (2017)


Tra le tante ingiustizie che popolano questo mondo una di queste è il fatto che un cantautore della statura di Jeremy Enigk per pubblicare un nuovo album sia costretto ad aprire una campagna Pledge Music al fine di autofinanziarsi, poiché sprovvisto di contratto con una casa discografica e della relativa distribuzione. E' ciò che è accaduto per Ghosts, una nuova collezione di brani che arriva a otto anni di distanza da OK Bear, ultima testimonianza in studio dell'ex frontman dei Sunny Day Real Estate, e che Enigk ha cominciato a scrivere proprio in contemporanea al lancio di questo progetto nel marzo 2015. Per due anni Enigk ha lavorato, tenendo informati dei suoi progressi i fan che hanno preso parte al crowfunding e Ghosts (in uscita il 13 ottobre) non ha deluso le attese.

L'album si fonda su atmosfere intime e raccolte, utilizzando spesso strumenti acustici con Enigk che si divide tra pianoforte e chitarra, come di recente ha fatto negli ultimi live nei quali ha presentato in anteprima qualche brano. In questo, Ghosts sembra più un seguito del crepuscolare World Waits (sopratutto quando si siede al piano per Victory) piuttosto che dell'elettrico OK Bear. Ciò che rimane invariato è la capacità vocale di Enigk di aggiungere un'intensità pazzesca ad ogni canzone a partire dallo spettacolare trittico d'apertura formato da Light and Shadow, The Long Wait is Over e Amazing Worlds. L'album nella sua totalità è insomma un'immersione completa nelle malinconiche ballate di Enigk, deliziandoci con alcune scarne elegie, sorprendentemente rafforzate da una sezione di archi (Emptry Row, Days Design), altre quasi in sintonia con l'estetica emocore dei tardi Sunny Day Real Estate (Sacred Fire, Onaroll) che si incontrano sia con la vena folk di How It Feels to Be Something On che con quella epica di The Rising Tide. Per Enigk il tempo sembra essersi fermato: come detto, la sua voce è più espressiva che mai, dalla sua penna continuano a scaturire piccole sinfonie acustiche dal grande respiro e Ghosts è un nuovo capitolo di un artista che dovrebbe avere più riconoscimenti.

domenica 1 ottobre 2017

Altprogcore October discoveries


Il secondo EP degli It Came From Space, dal titolo Kaleidoscope, contiene un energico post math rock strumentale fatto di riff e ritmiche intricate dove ogni membro cerca di spingere la propria presenza al limite, mostrando un sound coeso e ben amalgamato sia negli interventi psichedelici che in quelli hardcore.


Il quintetto di Sheffiled King Capisce, che comprende in organico ben due sassofonisti, si presenta al pubblico come una band che unisce post rock e jazz. Il nuovo album Memento Mori continua sulla scia dei due precedenti, impegnandosi appunto nell'unire le suggestioni "cinematiche" del post rock e le modernità del jazz associato al math rock.



La band canadese Estan prende il nome dal proprio leader polistrumentista Estan Beedell e The Vanity of Reason, album che risale al 2015, è un delizioso excursus nel pop orchestrale avanzato e sperimentale con influenze da musica classica, jazz e progressive rock vintage (Moog, Rhodes e Hammond danno un bel tocco di malinconia sixties). Fondendo la sensibilità e l'attenzione per gli arrangiamenti dei Field Music con l'ausilio di fiati, polifonie e minimalismo, il risultato è un piccolo capolavoro di art pop.



Chitarrista e tastierista, Gavin Leeper ha creato il progetto Leapah nel 2014, pubblicando solo due singoli e ora questo EP Balance. Se nell'ultimo singolo Borken China del 2016 di fattura funk-jazz-pop compariva la voce, il nuovo lavoro si dedica invece a diverse sfaccettature di musica strumentale elettronica, jazz, breakbeat e progressive rock, componendo un mosaico eterogeneo di stili che comunque si amalgamano in sonorità riconoscibili nel contesto totale.

lunedì 25 settembre 2017

Mercury Sky - Infra EP (2017)


Forse in questo periodo qualcuno di voi sta ascoltando l'ottimo In Contact degli australiani Caligula's Horse, i quali nel loro tour di presentazione dell'album si apprestano a condividere il palco con la band di Sydney Mercury Sky che ha appena pubblicato il suo secondo EP Infra. Pare che guardando ai gruppi che provengono dall'Australia non ci sia veramente niente da buttare e la loro inclinazione a produrre rock progressivo, metal, post, djent, fusion e quant'altro sia attuale al momento non è seconda a nessuno. Dopo aver realizzato un omonimo EP nel 2014, i Mercury Sky fanno un notevole passo avanti su Infra, co-prodotto da Dave Petrovic (che in passato ha collaborato con i Cog), presentando un pugno di canzoni che ripartono dal progressive hardcore dell'esordio, ma miscelato con una maturità maggiromente consapevole nel gestire le possibilità di trame più complesse e intercalare passaggi atmosferici con momenti aggressivi tecnicamente elaborati come nella traccia di apertura Sosonal oppure attraverso ottimi bilanciamenti tra hardcore melodico e echi di metal psichedelico su SleepDreamWake. Il merito va imputato sopratutto dell'interplay tra i due membri fondatori Keiren Lovett (chitarra) e Keiran Berry (batteria) che quasi si ispirano alle evoluzioni heavy dei Coheed and Cambria, Fair to Midland e Circa Survive. Se poi aggiungiamo all'equazione anche la voce di Kay Thatch che è un misto di Anthony Green e Geddy Lee, possiamo inserire al sound anche un tocco di Rush. Se però lasciamo da parte i paragoni, e comunque pensiamo alle tracce di Infra come vicine all'altrenative rock di matrice americana, i Mercury Sky mostrano un'abilità tecnica molto avanzata per un gruppo di questo genere.


martedì 19 settembre 2017

Circa Survive - The Amulet (2017)


All'inizio di quest'anno i Circa Survive hanno ricordato il decimo anniversario di On Letting Go, uno dei loro album più amati, con un grande tour celebrativo e oggi siamo qui a parlare del sesto album in studio The Amulet che arriva a tre anni di distanza da Descensus. Proprio con On Letting Go la band di Philadelphia era riuscita a conquistarsi una fetta di pubblico più ampia dopo l'esordio con Juturna, ponendosi sulla scia di quel progressive hardcore in stile Coheed and Cambria chedurante quel periodo stava vivendo la sua stagione migliore, tanto da creare una vera comunità musicale attorno all'etichetta Equal Vision Records.

Dieci anni e quattro album dopo ritroviamo i Circa Survive con The Amulet in una versione adulta di ciò che era quel genere. Come i loro fan anche loro sono cresciuti, hanno messo su famiglia e anche la testa a posto, quindi l'ispirazione ha seguito questa crescita rispecchiandosi nelle scelte stilistiche. Non ci sono più ritornelli catchy, non ci sono più le caratteristiche dinamiche quiet/loud, ma soprattutto non ci sono più punti di paragoni con gli colleghi. The Amulet presenta un gruppo stilisticamente emancipato che ha trovato una propria identità sonora, anche se non è semplice penetrare nell'essenza delle canzoni presenti nell'album a causa di elementi melodici talvolta sfocati. I Circa Survive non suonano più un post hardcore progressivo per adolescenti, ma nella loro maturità sembrano aver raggiunto un rapporto intellettuale con il proprio sound simile ai Dredg.

Come per Juturna, qui siamo di fronte ad un lavoro che va assaporato lentamente: all'inizio può lasciare perplessi e indifferenti proprio per la sua omogeneità nel fluire tra un brano e l'altro, però poi si faranno strada alcuni particolari e qualità nascoste. La maggior parte della musica composta per l'album conserva una miscela hard psichedelica, ancora e sempre orchestrata dall'interplay delle chitarre di Colin Frangicetto e Brendan Ekstrom, che sembra non avere contorni ben definiti ma sfumature frutto, ora più che in passato, di sessioni di scrittura fatte di jam collettive e improvvisazioni trasformate in strutture. Sicuramente non è un album che convincerà tutti, dato che comunque resta nell'aria qualcosa di lasciato in sospeso che dipende forse dalla rinuncia nella ricerca di trame più complesse ed incisive.

venerdì 15 settembre 2017

Arcane Roots - Melancholia Hymns (2017)


Lo so che là fuori c'è gente che non ama le classificazioni quando si parla di generi musicali, figuriamoci di sottoclassificazioni, eppure, sembrerà strano anche agli artisti interessati che sono i primi ad odiarle, ogni tanto aiutano a descrivere in maniera sintetica una deviazione dal filone principale. Ad esempio, adesso capita sempre più spesso di leggere il termine "atmospheric metal", ma non credo che ancora nessuno abbia coniato il termine "atmospheric post hardcore" che è ciò che mi sembra più vicino a quanto realizzato dagli Arcane Roots nel loro secondo album Melancholia Hymns in uscita oggi.

Devo dire che nel 2011 questo trio inglese che spuntò fuori con l'EP Left Fire riuscì ad incuriosirmi grazie ad un post hardcore con ambizioni progressive reminiscente degli At the Drive-In e dei The Mars Volta. Mi impressionò un po' meno il loro album di debutto Blood and Chemisty (2013) che non possedeva la stessa urgenza espressiva e ne sublimava leggermente la formula che comunque è stata ben ripresa e personalizzata in seguito dall'EP Heaven and Earth. Dopo aver dato l'addio al batterista Daryl Atkins, Andrew Groves e Adam Burton hanno reclutato Jack Wrench e si sono imbarcati in questa seconda prova che segna il più importante punto di svolta nella carriera della band dal punto di vista stilistico, mostrandola impegnata nel cambiare il proprio assetto sonoro con sfumature in passato assenti. Melancholia Hymns si apre con un tappeto sostenuto e in crescendo di tastiere, in seguito si aggiungono voci celestiali fino a che il brano prende corpo nella propria struttura, con altre tastiere e altri crescendo, in quello che sembra essere un preambolo al cammino di tutto l'album.

La maggior parte dei brani è costruita a grandi linee proprio in questa maniera: si parte sommessamente con tastiere atmosferiche che consolidano una tensione, la quale percepiamo scaturirà in qualcosa di più grande, attraverso lo sfoggiò di chitarre elettriche e potenti bordate hardcore, cosa che puntualmente avviene (Curtains, Everything (All at Once), Matter). L'aspetto inedito che questa volta hanno provato a testare gli Arcane Roots è il forte contrasto trasmesso dai vari registri di tastiere e qualche intervento di batteria elettronica che si impongono nell'estetica sonora come un richiamo ai contemporanei ritorni alla synthwave (Arp, Indigo), ma che li avvicina anche al modo di operare di band che stanno coniugando caratteristiche antitetiche, tra arie intimiste e sonorità più aggressive, come stanno facendo gli Sleep Token ad esempio (in questo caso citerei Fireflies come paragone). Alla fine però Melancholia Hymns sembra soffra del ripetersi di queste soluzioni e sulla lunga distanza perde quel fascino che comunque sicuramente trattengono alcune tracce se prese singolarmente. Una musica che in ogni caso acquista in suggestività se abbinata alle giuste immagini come il video di Curtains sta a dimostrare.






mercoledì 13 settembre 2017

La magia di JYOCHO e Uchu Conbini


Il chitarrista Daijiro Nakagawa ritorna alla guida dei JYOCHO con il secondo mini album a meno di un anno di distanza dal primo. Visto l'ascendente che il giovane ragazzo di Kyoto si è conquistato nei confronti del sottoscritto in quest'ultimo periodo, prima di parlare in modo completo dei JYOCHO, credo sia utile andare a ritroso risalendo alla sua band precedente chiamata Uchu Conbini per capire in pieno l'importanza e il valore del suo lavoro. Dato che il principale compositore è sempre stato lo stesso Nakagawa è logico che tra i due gruppi sia presente una continuità di stile. Tutto ciò che circonda gli Uchu Conbini sa di magico a partire dalla musica, così complessa nel costruire intricati e veloci arpeggi, tapping, poliritmie e imprevedibili svolte tematiche, eppure così semplice da interiorizzare e apprezzare. Merito della maestria tecnica di Nakagawa nel creare sognanti tessiture aromoniche con la sei corde, ma anche della dolce e delicata voce della bassista Emi Ohki e della versatile batteria di Yuto Sakai che insieme si fondono in canzoni math rock dalla sensibilità pop, anche se i giapponesi sono così avanti che fanno ricadere gruppi come gli Uchu Conbini nella categoria tutta giapponese chiamata J-Pop.

Il progetto nasce dalla volontà di Nakagawa nel creare una musica di forte suggestione e grandiosità, fondendo influenze per lui basilari come il progressive rock, il post rock e il midwest emo con un riferimento particolare al primo lavoro degli American Football di Mike Kinsella, che Nakagawa cita come uno dei suoi album preferiti. Inizialmente l'idea del gruppo era suonare musica strumentale, ma la passione di tutti e tre i membri per il pop diede l'occasione a Nakagawa di convincere la Ohki, in principio ritrosa, a farsi carico delle parti vocali. Gli Uchu Conbini realizzano così nel giro di poco tempo solo due mini album da favola che sono 染まる音を確認したら (Somaru Oto wo Kakunin Shitara - Feel The Dyeing Note) nel 2013 e 月の反射でみてた (Tsuki No Hansha De Miteta - I Looked By The Reflection Of The Moon) nel 2014. "Album bonsai" verrebbe da chiamarli per quella loro perfezione nell'accostare complessità e melodie dalla disarmante bellezza, senza esagerare il concetto di variazione attraverso motivi ricorrenti e temi riconoscibili costantemente rimessi in discussione dalla sezione ritmica e dalla chitarra che si destreggia tra linee armoniche e melodiche in un registro ultra clean. Purtroppo neanche il tempo di essere apprezzati in pieno durante la loro attività che gli Uchu Conbini si separano per divergenze artistiche nei primi mesi del 2015, dando un ultimo concerto di addio il 13 marzo di quell'anno e continuando comunque ad avere un crescente successo postumo. 8films, Pyramid, EverythingChanges e Sepia Iro no Shasou Kara sono praticamente diventati nel tempo dei brani di culto per chi apprezza questo genere.







Il fatto che gli Uchu Combini non siano stati dimenticati, ma anzi sempre più persone li stanno scoprendo, è forse anche merito del piccolo culto che si sta creando attorno alla nuova band di Nakagawa, i JYOCHO. Dietro al microfono c'è ancora una voce femminile, quella di Rionos, cantante di Tokyo che Nakagawa ha trovato tramite Twitter, ma questa volta da trio il nucleo si allarga a quintetto, aggiungendo alle tessiture strumentali anche tastiere e flauto, pur rimanendo questa volta indicato come un progetto solista di Nakagawa. Lo scorso anno è uscito il primo mini album 祈りでは届かない距離 (Inori dewa Todokanai Kyori - A Prayer in Vain) che ha suscitato di nuovo ampi consensi, riprendendo a grandi linee il discorso interrotto dagli Uchu Conbini.

Ad una prima impressione sembrerà che non sia cambiato molto nel passaggio tra i due gruppi, a parte appunto le sfumature più ricche donate dagli strumenti aggiunti. Eppure i JYOCHO si distinguono dagli Uchu Conbini più che altro ad un livello meno superficiale e squisitamente esecutivo. Con i JYOCHO, Nakagawa si rende ancor più accessibile e vicino a canoni pop, limitando le sterzate ritmiche in favore di scelte più lineari, anche tematicamente, facendo leva su sezioni ripetute e melodicamente simili di modo che rimangano ben impresse. Non che manchino le poliritmie, ma in questo caso si percepiscono in minor misura imprevisti di percorso ben camuffati in una veste che dona fluidità anche ad un contesto comunque fondato sulle geometrie virtuose del math rock. Oggi viene realizzato il secondo mini album 碧い家で僕ら暮らす (Ao ika de Bokura Kurasu - Days in the Bluish House) che segna l'importante arrivo nei JYOCHO della nuova cantante Keiko Kobayashi (proveniente dalla band heliotrope e attiva anche come solista con il nome di Nekota Netako) che sostituisce Rionos a causa del suo rifiuto di esibirsi dal vivo. Days in the Bluish House riesce ancora meglio a creare un ponte tra gli Uchu Conbini e i JYOCHO recuperando quel gusto per ritmiche jazz e articolati andamenti aromonici (The Bluish House), aggiungendo anche un'ingente parentesi di lirismo acustico (Hills, A True Figure of). Ora, a tutti coloro che si aspettano un giudizio, direi che è quasi superfluo, Daijiro Nakagawa si è distinto per una produzione discografica impeccabile e una vena costantemente ispirata che non accenna a spegnarsi. Una discografia da possedere nella sua totalità.






 http://jyocho.com/